MASTOPESSI: CHIRURGIA DEL SENO

COS’È’ LA MASTOPESSI: INTERVENTO DI CHIRURGIA PLASTICA NELLE ZONE DI VARESE, COMO E TICINO

La mastopessi, o lifting del seno, è l’intervento di chirurgia che solleva il seno e ne migliora la forma, gli restituisce bellezza e tonicità facendolo apparire più pieno e giovane. Una mastopessi generale non varia significativamente le dimensioni del seno ma può essere abbinata ad altre correzioni come la mastoplastica riduttiva o mastoplastica additiva. Prenota un consulto con il Dottor Marco Castelli in una delle sue sedi.


CHI PUÒ SVOLGERE L’INTERVENTO DI MASTOPESSI NEGLI STUDI DEL DR. CASTELLI NELLE ZONE DI VARESE, COMO E TICINO

Chi può svolgere questo intervento chirurgico? La mastopessi si può effettuare a qualsiasi età, dopo i 18 anni. Le donne che desiderano anche aumentare la grandezza dei seni oltre a sollevarli, possono beneficiare di un intervento combinato di sollevamento con impianto di protesi mammarie. Questa procedura oltre a riposizionare in maniera ottimale il complesso areola-capezzolo, andrà anche ad aumentare la grandezza dei seni al volume desiderato.


QUANDO RICORRERE ALLA MASTOPESSI

Il seno è senza dubbio una parte fondamentale del corpo di una donna, e molto spesso è il centro di insicurezze ed insoddisfazioni. Con il passare degli anni il seno tende a svuotarsi e ad abbassarsi perdendo vigore e tonicità. Il progressivo rilassamento cutaneo del seno può essere dovuto anche a perdite di peso, allattamento e gravidanza. Si definisce ptosi mammaria ed è una patologia che interessa sia la componente cutanea che quella ghiandolare. Con la mastopessi viene eliminata la cute in eccesso e la mammella viene risollevata nella sua posizione originale. La scelta della tecnica verrà valutata in fase di consulenza iniziale con il chirurgo e dipenderà dalle caratteristiche del seno. Nel caso in cui è presente una ipertrofia mammaria il procedimento chirurgico risulterà integrato a quello utilizzato per la mastoplastica riduttiva. Quando invece la mammella è ipotrofica (svuotata) è utile integrare l’intervento di lifting del seno ad una mastoplastica additiva.
Inserendo una protesi mammaria è possibile ripristinare il volume e la giusta forma della mammella. La convalescenza è di 1-2 settimana a seconda del caso. Nel caso in cui sia necessario collocare dei drenaggi, questi saranno rimossi dopo 1-2 giorni dall’intervento. Questo procedimento non è doloroso e i pazienti si mobilizzano facilmente il giorno successivo, però è meglio comunque limitare l’attività fisica per 1 mese. Nel post-operatorio è necessario indossare un reggiseno apposito che aiuta a ridurre gonfiore e a tenere il seno ben sollevato.



QUALI SONO I RISCHI E LE COMPLICAZIONI CHE POSSONO VERIFICARSI PRIMA DOPO E DURANTE L’INTERVENTO CHIRURGICO DI MASTOPESSI


Quali sono i rischi? Come tutti gli interventi chirurgici, bisogna considerare rischi e possibili complicanze. Il sollevamento del seno non è permanente, con l’invecchiamento e il passare del tempo i seni tendono a cedere nuovamente e potrebbe essere necessario intervenire chirurgicamente una seconda volta. 

Il risultato finale comporterà cicatrici attorno all’areola, una verticale (dall’areola al solco sottomammario) di 5-10 centimetri e una orizzontale in corrispondenza del solco sottomammario avente una lunghezza variabile a seconda delle dimensioni delle mammelle.

Le cicatrici sono normalmente poco visibili e facilmente occultabili con un normale reggiseno, tuttavia in alcuni casi residuano cicatrici evidenti, ovviamente meno gradevoli da un punto di vista estetico. E’ questo il caso delle cicatrici diastasate, iperpigmentate, ipertrofiche e dei cheloidi cicatriziali. 



FAQ

Richiedi informazioni al Dottor Marco Castelli compilando questo form, aggiungi i dati richiesti ed esponi al Dottore il motivo della richiesta. Sarai presto ricontattato/a dal nostro studio.

Cosa non fare dopo la mastopessi?

La mastopessi è un intervento chirurgico sicuro, ma come qualsiasi intervento chirurgico, comporta dei rischi e richiede un periodo di recupero.
Ecco alcune cose da non fare dopo la mastopessi:

  • Evitare sforzi fisici. Per le prime settimane dopo l’intervento, è importante evitare qualsiasi attività che possa sollecitare i muscoli del petto. Ciò include sollevare oggetti pesanti, fare sport o attività faticose.
  • Evitare movimenti bruschi. Anche i movimenti bruschi, come tosse o starnuti, possono causare dolore o disagio. È importante prestare attenzione ai propri movimenti e fare attenzione a non sforzarsi troppo.
  • Evitare di fumare. Il fumo può rallentare il processo di guarigione e aumentare il rischio di complicazioni.
  • Evitare l’esposizione al sole. L’esposizione al sole può causare iperpigmentazione delle cicatrici. È importante proteggere dal sole le cicatrici con una crema solare ad alta protezione.
  • Evitare di assumere farmaci non prescritti. È importante consultare il proprio medico prima di assumere qualsiasi farmaco, anche quelli da banco.

In generale, è importante seguire le istruzioni del proprio chirurgo plastico dopo la mastopessi. Questo aiuterà a garantire un recupero sicuro e rapido.

Come trattare le cicatrici da mastopessi?

Il trattamento delle cicatrici da mastopessi è un processo graduale che richiede pazienza e costanza. I risultati finali saranno visibili solo dopo diversi mesi, ma seguendo i consigli del chirurgo plastico è possibile ottenere cicatrici più sottili, meno visibili e meno dolorose.
Nelle prime settimane dopo l’intervento, è importante proteggere le incisioni da sfregamenti e urti. Canx È inoltre importante evitare l’esposizione al sole, poiché i raggi UV possono scurire le cicatrici.
Dopo le prime settimane, si può iniziare ad applicare creme o unguenti a base di silicone?????. Questi prodotti aiutano a migliorare l’aspetto delle cicatrici, rendendole più sottili e meno visibili. È importante applicare il prodotto regolarmente, 2-3 volte al giorno, per almeno 6 mesi.
Inoltre, è possibile effettuare massaggi delicati sulla zona delle cicatrici. I massaggi aiutano a migliorare la circolazione sanguigna e a ridurre la tensione cutanea. I massaggi devono essere eseguiti con movimenti leggeri e circolari, per almeno 10-15 minuti al giorno.


Contattaci

Richiedi informazioni al Dottor Marco Castelli compilando questo form, aggiungi i dati richiesti ed esponi al Dottore il motivo della richiesta. Sarai presto ricontattato/a dal nostro studio.

    Il tuo nome (obbligatorio)

    Il tuo indirizzo email (obbligatorio)

    Telefono (obbligatorio)

    Messaggio

    Inviando il messaggio dichiari di aver accettato l’Informativa sulla Privacy visibile cliccando QUI

    Copyright by Crisalix.com 2023. All rights reserved.